Canederli tirolesi allo speck

371
views

canederlitirolesiallospeck

Oggi vi proponiamo una ricetta tipica delle regioni del Nord Italia ed in particolar modo del Trentino Alto Adige: i canederli, detti anche Knodel.

Questa gustosissima ricetta racchiude in sé tutta la tradizione, le origini ed anche la storia e la vita del Trentino.
I canederli sono un piatto formato essenzialmente dal pane raffermo e dallo speck, che vengono uniti insieme dando vita a delle palline che verranno successivamente cotte in un buonissimo brodo di carne. Sono un piatto piuttosto calorico e quindi è consumato principalmente in inverno, per riscaldare il cuore e donare tutta la grinta e la forza, di cui si ha bisogno, per resistere ai freddi inverni, tipici delle zone di montagna.

Ingredienti
pane raffermo 300 gr
1 mezza cipolla
200 gr di speck
3 uova
250 ml di latte
prezzemolo
burro 40 gr
farina
erba cipollina
sale e pepe nero

Procedimento
Grazie alla preparazione dei canederli, potremo utilizzare il pane vecchio, invece di gettarlo via. Come prima cosa bisogna prendere una padella, ungerla con del burro e soffriggerci all’interno della cipolla, che avremo tritato finemente. A questo composto aggiungiamo anche lo speck, l’affettato tipico del Trentino Alto Adige.

Facciamo rosolare per bene il tutto ed amalgamiamo con un cucchiaio. Una volta che anche lo speck sarà cotto, spegniamo la fiamma del piano cottura. Prendiamo il pane raffermo e con un coltello dividiamolo in tanti piccoli quadratini e poniamoli all’interno di una terrina.
Prendiamo la padella con lo speck e la cipolla, e versiamola nel pane raffermo. Amalgamiamo il tutto, in maniera tale che gli ingredienti possano ben compattarsi tra di essi ed il pane si possa insaporire con il gusto dello speck. Prendiamo le uova e sbattiamole all’ interno: questo servirà a dare una maggiore consistenza all’impasto.

Inseriamo ora il latte, l’erba cipollina sminuzzata ed anche il prezzemolo, tritato finemente. Insaporiamo con un po’ di sale e del pepe nero e nel caso volessimo anche con un po’ di noce moscata. Aggiungiamo giusto un po’ di farina, per amalgamare meglio gli ingredienti. Mescoliamo il nostro composto dei canederli e lasciamolo riposare un po’, in maniera tale che i vari ingredienti possano compattarsi nel modo migliore tra di loro.
Dopo questo tempo di riposo, prendiamo una parte dell’impasto e creiamo delle palline, dal diametro di circa 10 cm. In questa fase è necessario che l’impasto sia della giusta consistenza e cioè né troppo morbido né troppo secco. Il pane raffermo deve essere ben compatto.

I nostri canederli tirolesi sono finalmente pronti, non ci resta che cuocerli. Per farlo dobbiamo utilizzare il brodo di carne, che avremo preparato precedentemente, aggiungendo all’acqua della carne di vitello a pezzetti, della cipolla, del sedano e della carota. Facciamo cuocere per almeno 2 ore e quando sarà pronto, potremo dividere la carne e le verdure dal nostro brodo.
Portiamolo a bollore ed inseriamo al suo interno i canederli. Facciamoli cuocere per almeno 15 minuti e poi serviamoli belli caldi, in una terrina di terracotta, con del burro e una spolverata abbondante di formaggio grana.

Buon appetito!